Storia di un orto (2 di 4)

Resilienza

(opporsi ad un evento negativo cercando di  mutarlo in positivo)

Riassunto della puntata precedente:  la proprietaria del capanno dopo aver litigato con un mio vicino, fa costruire un recinto sul confine tra il suo terreno e la strada. Lo spazio che tutti utilizziamo per parcheggiare si riduce alla banchina.  E’ ancora sufficiente ma le auto sono molto più esposte, ed infatti……

Alle tre di notte del 23 dicembre, mi sveglio di soprassalto perchè qualcuno batte forte i pugni sulla mia porta. E’ Luciano, che di solito indossa la tuta di pelle ma non quella notte (Carotenuto docet). Il centauro, con un certo compiacimento, mi informa esserci stato un incidente nel quale la sua auto s’è salvata ma “purtroppo” la mia è rimasta coinvolta.

Scendo in strada e trovo un giovanotto scapestrato e sanguinante. Uscito alticcio dal pub, ha tirato dritta una curva per andare a cozzare contro ben cinque auto.

Una di queste è proprio la mia che però, coriacea come il proprietario, ha retto abbastanza bene all’impatto e fieramente mostra la portiera della Panda del ragazzotto appesa ad uno spigolo del telaio come se fosse una medaglia sul petto.

coriacea

Altre due auto invece sono da buttar via.

distrutta

distrutte

Fa un freddo becco e mentre aspettiamo l’arrivo dei Carabinieri chiedo al vicino, a mio parere responsabile della costruzione della rete e di conseguenza anche del sinistro, i motivi della famosa lite.

Tomotomo cacchiocacchio, mi spiega che avendo lui occupato abusivamente il capanno, la proprietaria gli aveva bussato all’uscio per chiedere spiegazioni. Lui, per buona risposta, l’aveva mandata a (censura).

Capisco allora perché  quella Signora paonazza fosse tanto agitata: si sarebbe inbufalito anche un bonzo!

Ndr: trovandosi scoperti in palese torto marcio, non sarebbe meglio riconoscere le proprie colpe, cospargersi il capo di cenere e proporre umilmente un rimedio? Evidentemente qualcuno non la pensa così e le conseguenze, spesso, le pagano i famosi terzi di buona fede.

Ma torniamo a noi.

Arrivano i Carabinieri che oltre a compilare il verbale dell’incidente, con solerzia, abnegazione e rispetto delle regole, elevano contravvenzione a tutti i danneggiati perchè il codice della strada vieta il parcheggio sulla banchina. Inoltre, solo a me, altra contravvenzione perchè ho dimenticato di passare la revisione biennale.

verbale

L’alba mi trova insonne, con l’auto malconcia, due multe da pagare e forse anche il mal di gola. Sembra un brutto sogno ma i due verbali sul tavolo mi riportano al reale.

Per fortuna il giorno dopo sono in partenza per un viaggio bellissimo ed ho quindi le energie per meditare la riscossa: la mia auto non deve più essere parcheggiata in strada.

Al rientro dalle vacanze faccio visita al mio geometra. Gli chiedo una visura catastale per conoscere il nome della proprietaria del capanno e del terreno.

Mi guardo bene dall’attingere l’info dai vicini per non destare curiosità foriere di concorrenza o sabotaggi al progetto che sta nascendo.

Ottenuto il nome, lo cerco senza successo sull’elenco del telefono. Non mi pare educato presentarmi alla porta da sconosciuto ed allora vado all’anagrafe per chiedere uno stato di famiglia. L’utenza telefonica è intestata al marito e quindi li chiamo.

“Buongiorno Signora, mi chiamo Joseph Pastore, abito qui in paese, ho saputo che dei vicini si sono comportati male con lei. Vorrei cercare di rimediare con reciproco vantaggio”. Ribatte lei: “Si Vabbè, ma che vuoi?“ “Affittare il suo capanno!”.

La Signora e la sua famiglia sono di una cortesia squisita, mi concedono in uso il capanno in cambio della sola vigilanza e di tenere pulito dalla erbacce il fazzoletto di terra antistante.

antistante

I sorrisi si sprecano ma adesso viene il bello perché ci sarà molto da lavorare……

Nella prossima puntata il racconto della bonifica.

Continua cliccando qui.

Annunci

42 pensieri su “Storia di un orto (2 di 4)

  1. guarda, mi sono svegliata di pessimo umore e il tuo racconto me lo ha un pò sistemato…davvero intrigante questa storia! scrivi molto bene…ma tu ed io non dovevamo fare qualcosa di lucroso? per intanto un saluto affettuoso.

    Piace a 1 persona

    1. Se c’è un destino vorrei che m’avesse fatto scrivere solo per rallegrare te e tutti quelli che lo vorrebbero. Esci serena, comunque vada sarà un successo! Dobbiamo organizzare un meeting, se vorrà anche con la libraia che lo suggerisce da tempo. Coccole e una carotina fresca a Oklahoma….

      Mi piace

    1. Sto preparando la passeggiata urbana dedicata al poeta Roversi cui accennavo tempo fa. Pensavo ad una domenica d’agosto, quando Bologna veste un abito di bellezza solitaria… potrebbe essere l’occasione giusta per incontrarci, in queste occasioni invito pochi “eletti” a stare da me. Ne riparliamo presto.

      Piace a 1 persona

  2. Questo serial che ci stai centellinando passa da uno stile all’altro: stavolta siamo sul poliziesco, con tocchi horror (foto delle auto da brividi, per chi come me verso i mezzi motorizzati prova un senso di timore). D’altra parte il gioco dell’alternanza dei toni e dei registri è tipico dei serial, da Dickens a Un posto al sole! E’ bello sapere che comunque ci sarà un lieto fine, rappresentato dai fiori di zucchina che ho avuto il piacere di assaggiare.

    Piace a 1 persona

    1. Buonasera Lucia, come va? L’auto mi serve solo per trasportare i miei pezzi di legno ed i miei lavori. Garage qui non ce ne sono e d’inverno fa freddo, piove ed é buio presto. Anche con le migliori intenzioni é difficile usare la bici. Grazie per essere passata a trovarmi e buona domenica!

      Piace a 1 persona

  3. Madooooooooooo joseph! Io l’avrei presa malissimo! Ma bravo e astuto tu! Ma le multe! Sai che anni fa anche io presi una multa per aver parcheggiato sulla linea continua di fronte ad una casa dove non intralciavo nessuno! Li mi informai e venni a conoscenza del fatto che fosse vietato e da lì in poi ho sempre ansia a parcheggiare fuori dalle righe! Regalare dei soldi a titolo gratuito anche no! Buona giornata! Aspetto il prossimo post X sapere come va a finire! Immagino che il vicino non sia stato contento della tua mossa! Ma aspetto di leggere 😉

    Piace a 1 persona

I commenti sono chiusi.