La mi scusi…..

Prego, mi dica pure……

La mi saprebbe miha dire che stazione gli è codesta?

Rifredi

Articoletto leggero leggero, scusate……

Ma due considerazioni voglio farle lo stesso:

  • meglio un colpo d’occhio su ben otto cartelli che, come spesso capita, rischiare di farsi tagliare la testa dal treno dell’altro binario mentre ci si sporge dal finestrino in cerca dell’unico cartello troppo alto o troppo lontano;
  • viaggiando spesso in treno trovo sempre qualcuno che mi chiede la destinazione di quello sul binario malgrado il display sopra la sua testa ben la evidenzi…..

 

Annunci

38 pensieri su “La mi scusi…..

      1. Rivedendo la foto poco fa ho spiegato il “fenomeno” con il gran numero di binari ed il gran traffico che c’è in quella stazione. In questo modo anche se in ogni binario c’è un treno tutti i passeggeri possono vedere il loro cartello.

        Liked by 2 people

  1. Passo spesso da Rifredi e la selva di cartelli è impressionante. E’ davvero una stazione singolare e, diciamolo, bruttina. Anni fa al tramonto tentai la stessa foto, con risultati mediocri…La tua foto invece è come al solito riuscita molto bene.

    Liked by 2 people

  2. Bella foto!!! Mi trovo spesso a viaggiare in Italia e spessissimo ci troviamo a dire ”quando la segnaletica serve non c’è”, a volte è messa in modo approssimativo o poco comprensibile…..questo non è il caso😂😂😂😂😂ma è comunque una barzelletta!

    Liked by 1 persona

      1. Nota dolentissima e i cartelli sono solo la punta di diamante. Vogliamo parlare di coste un tempo meravigliose che sono state cementificate? O della scarsa ospitalità di certe regioni che potrebbero prosperare di questo?

        Mi piace

      2. In qualsiasi parte del mondo si paga salato per andare a vedere “bischerate”, qui da noi è quasi tutto gratis. Per non parlare dei torpedoni che devono arrivare proprio sotto ai monumenti o delle navi che devono entrare fin dentro Venezia. Meglio per ora mettere un punto, quando saremo al governo io e te se ne vedranno delle belle!

        Mi piace

    1. Buongiorno Lucia, non ti leggevo più e stavo per inviarti una mail per salutarti e chiedere notizie. Però non sono d’accordo sulla preferenza dell’auto. il treno è più veloce ed ecologico. Se viaggi solo è anche più economico. Infine è più rilassante, non devi guidare e non rischi di causare incidenti, puoi goderti il paesaggio, leggere un libro, vedere un film o collegarti ad internet, Ho molto da dire sull’argomento e presto scriverò un articolo.

      Liked by 1 persona

  3. Anch’io sono da sempre una viaggiatrice in treno! Lo preferisco mille volte all’automobile e mi stupisco sempre quando conosco persone che non sono capaci di prendere un treno perché non ci hanno quasi mai viaggiato. Mi sento sempre molto orgogliosa di fornire indicazioni, anche quando sono un po’ superflue (come nel caso della tua seconda opzione): forse alcuni vedono l’avviso ma chiedono comunque per insicurezza?
    In quanto a tutti quei cartelli, fanno davvero ridere così, in un unico colpo d’occhio… ma concordo con te sul meglio troppi che troppo pochi! Quando devo scendere in un posto dove non sono mai stata prima ho sempre l’ansia di non riuscire a leggere quel misero cartello che se lo perdi non sai più dove ti trovi!

    Liked by 2 people

      1. No, a parte quando sono andata in treno con la bici fino a Ferrara e poi lì ho fatto un sacco di km in bici lungo il Po. In estate viaggio con la bici in treno quando vado in vacanza al mare e porto la bici con me.

        Liked by 1 persona

      1. No, nel mio caso sono spesso studenti e gente giovane e questo mi rende perplessa. Aiutare gli altri dà sempre una bella sensazione. Pensa io ho un pessimo senso dell’orientamento e la gente mi chiede informazioni… è gratificante : D

        Liked by 1 persona

  4. Io sono stata a Firenze quest’anno per la prima volta ( dopo una breve visita a Lucca) e sono rimasta molto delusa da questa città-
    Ho visto gli affreschi sì, belissimi, ma tutto il resto era terribilmente disordinato, sporco, maleodorante, caotico e troppo caldo.
    Il centro storico con quei lastroni che distruggevano i piedi. Di toscani manco a parlarne, non se ne trovavano nemmeno a cercarli col lanternino. Il cibo toscano uguale. Lunghe file e code dovunque, cosa che all’estero non esiste nemmeno nei musei più famosi. Insomma, un disastro. Se non fosse stato per gli affreschi….Tutto gestito male e con quella gentaglia in giro che vuole fregarti anche. Mamma mia, un viaggio da non ripetere soprattutto per il teno appunto, scomodo, si è fermato due volte per vari motivi. All’andata nella sala cinema e il tempo è passato ma al ritorno….No grazie, la prossima volta vado all’estero di nuovo, mi spiace ma le volte che sono stata in vacanza all’estero non ho avuto tutto questo stress.

    Mi piace

    1. Grazie per questo racconto che condivido appieno. Se ricordi la mia biografia io vengo da Roma e costá le cose vanno meglio solo perché c’è più spazio per diluire i turisti. Comunque vivo in campagna e non in città e sono rientrato ora ora da uno splendido giro in bici di 40 km. Ho fatto il pieno di endorfine e sono molto felice.spero che almeno il tuo corso di restauro si stato ok.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...